9 novembre 2011

Ieri pomeriggio

BIANCANEVE E I POMI DELLA "CONCORDIA"

A guardarla era una bella mela, bianca e rossa […] La matrigna la mise nel cesto con le altre mele, si travestì da vecchia contadina, andò nel bosco e bussò alla casetta dei sette nani. “Frutta bella, frutta bella”! gridò. “Chi vuole mele belle e buone?” “Non posso aprire, buona vecchia. I nani me l’hanno proibito” disse pronta Biancaneve, dalla finestra. 
(Fratelli Grimm, Biancaneve, p. 34, RCS, Milano, 2005)

Come fanno finire la storia i  Fratelli Grimm lo sappiamo un po’ tutti, quindi è meglio lasciare Biancaneve al suo destino e svignarsela con tutte le altre mele, sane e bellissime!


Perché? A me pareva che una torta di mele per l’ora del tè 
fosse una buona cosa con il tempaccio che imperversa ormai da giorni…


Pregustando il calduccio del forno, l’odore fragrante di torta di mele per tutta casa, un buon tè nero dai sentori di mela, vaniglia, cannella e zenzero (Thé des Amants appena arrivatomi per mano amica dal Palais des Thés di Bruxelles)
non ho esitato, sono scesa in cucina e mi sono messa all’opera:
  
TORTA DI MELE

  
La ricetta
Ingredienti:
185 gr burro morbido
100 gr farina 00
100 gr fecola di patate
200 gr zucchero a velo
1 cucchiaino di lievito
3 uova
pizzico di sale
1/2 cucchiaino di Anice Stellato in polvere
2 mele
1 cucchiaio di zucchero di canna
gelatina di limone

Lavorare il burro morbido con un cucchiaio di legno fino a farlo diventare una crema, unire lo zucchero poco alla volta. Il composto dovrà risultare spumoso. A parte rompere le uova con una forchetta, come si fa per la frittata, e unirle poco per volta alla crema di burro. 

Importantissimo: versare due cucchiaiate di uova,  incorporarle, mescolare facendo rigonfiare il composto, e solo a questo punto aggiungerne altre due cucchiaiate. Continuare così via fino ad esaurirle.
Armarsi di pazienza perché per incorporare le uova ci vuole tempo. 

Unire poco per volta le farine, il lievito, il sale e l’anice stellato setacciati assieme e amalgamare con cura.
Il risultato deve essere un composto soffice e denso.

Imburrare e infarinare una tortiera del diametro di 24 cm (20 cm, se si vuole una torta più alta) e versare il composto livellandolo in superficie.
Accendere il forno a 160°, sbucciare le due mele, privarle del torsolo, tagliarle a fettine sottili e disporle sulla torta. Spolverare leggermente di zucchero di canna e infornare per 50’.
5’  prima della fine della cottura, sciogliere la gelatina di limone in un pentolino e spennellarla sul dolce.
Terminare la cottura e verificare facendo la prova stecchino.
Se esce asciutto, chiudere il forno, e lasciare il dolce a riposare con lo sportello semi aperto per 15’.





Ve l’avevo detto che casa avrebbe odorato di un confortante profumo di torta di mele…mannaggia suonano alla porta…l'avrà mica sentito anche il mio vicino?

Evviva la pioggia e il maltempo d’autunno!!!

:)

Ciao e buona giornata a tutti.